ALTRO GRANDE TRAGUARDO PER IL MAESTRO DADDIO. LO CHEF MADDALONESE VERSO IL G7 DI BARI: “ECCO COME DELIZIERO’ I GRANDI DELLA TERRA…”

Una nuova medaglia sta per essere appuntata al collo del famoso Chef Giuseppe Daddio. Il Maestro maddalonese, infatti, direttore con Aniello Di Caprio della famosa scuola di cucina e pasticceria “Dolce & Salato”, si avvia a grandi passi verso uno degli eventi mondiali più importanti previsti per il nuovo anno: il G7 che si terrà a Bari dall’11 al 13 maggio 2017. Una vetrina che porterà i grandi della Terra a discutere di economia, finanza e politica proprio nel nostro Paese. Un’opportunità che richiama immediatamente ai ricordi del G7 di Napoli nel 1994, quando la città visse una delle sue stagioni più luminose. Intervenuto in diretta nel corso del tradizionale appuntamento di “Tutti i colori della radio”, il Maestro Daddio ha anticipato ai microfoni di New Radio Network questa straordinaria notizia. Uno Chef maddalonese pronto a deliziare i palati dei grandi potenti che si ritroveranno in quel di Bari per dibattere di crescita, occupazione e diseguaglianza. L’ennesimo prestigioso riconoscimento per Daddio e la “Dolce & Salato”, dopo l’esclusivo pranzo preparato per Papa Francesco in occasione della visita del Pontefice nel carcere di Poggiareale nel marzo 2015.

Daddio1Una notizia che riempie di soddisfazione ed orgoglio.  Una gioia – ha commentato Giuseppe Daddio durante l’ospitata sulle frequenze di New Radio Network – che condivido con tutta la squadra della ‘Dolce e Salato’, diventata, ormai, il quartier generale di tanti eventi che fortunatamente sfociano sempre in grandi successi. Il G7 di Bari è un impegno capace di trasmettere grandi stimoli. Ci sarà tantissimo da studiare e da prepararsi per deliziare i palati dei grandi della politica e della finanza mondiale. E’ cambiato il modo di approcciarsi alMade in Italy’. Nel rispetto della tradizione italiana, bisognerà lavorare a 360 gradi, guardando anche al resto dell’Europa, senza dimenticare i diversi modi di stare a tavola (allergeni, vegani, vegetariani…). Al G7 del prossimo maggio – continua lo Chef – cercherò di unire diversi usi e costumi alimentari, sempre con il massimo rispetto per l’orgoglio italiano. Il grande evento di Bari, comunque, sarà fortemente contraddistinto da un legame: quello verso Amatrice, la sua storia il suo popolo. Ci sono due ingredienti che hanno fatto la storia del Centro-Sud Italia. Mi riferisco, ovviamente, al guanciale e al pecorino. Posso già annunciare che questi due grandi alimenti faranno parte di una mia creazione speciale per il G7. Il guanciale e il pecorino ‘visti’ da un cuoco campano e portati in tavola in terra pugliese. Al G7, inoltre, si tratteranno anche i temi dell’ambiente e dell’ecosostenibilità applicati al mondo della cucina. Questa però non è una novità….alla ‘Dolce e Salato’ ci occupiamo di questo aspetto già da tempo. Cosa dire….sembra tutto un sogno, speriamo di trasformarlo in una bellissima realtà

servizio a cura di Vincenzo Lombardi

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *