INTERVISTA A STEFANO PICCIRILLO: “TRA RADIO E LIBRO LA MIA ESTATE….GRETEST ITZ” – ASCOLTA AUDIO

SULLE HITS 2016, ZIO “STEVEN” NON HA DUBBIO: JUSTIN TIMBERLAKE E’ DECISAMENTE DI UN ALTRA CATEGORIA. “I TORMENTONI? OGGI E’ IMPOSSIBILE DECRETARE SOLO UN VINCITORE….”

Personaggio multitasking ancora prima che questo termine diventasse di uso quotidiano. Stefano Piccirillo è da oltre trentatré anni uno delle colonne portanti della radiofonia italiana. Giornalista, opinionista, autore, conduttore, scrittore. La sua voce è impressa anche in pellicole cinematografiche come “Die Hard: Vivere o Morire”, “Fame”, “Ti lascio perché ti amo troppo”, “L’ultimo capodanno” e tantissimi altri. Telecronista per il canale tematico della Fit, Supertennis e opinionista nei principali salotti televisivi Rai, Mediaset e Sky. Scrive per diverse testate nazionali di musica e spettacolo. Docente di comunicazione radiofonica, trasmette la passione per il mezzo radio attraverso le sue lezioni in accademie e atenei universitari.
La scrittura è la sua ultima scoperta in ordine di tempo, ed ecco che l’arrivo dell’estate 2016 ci porta in dote il suo quarto romanzo: “Gretest Iz – Canzoni e Vita” (Alessandro Polidoro Editore). Musica e memoria, canzoni e racconti. Quindici capitoli più uno. Quindici tracce più una bonus track, come in una compilation. Quindici brani che confezionano quindici pezzi di vita. Insieme formano la playlist di “Gretest Iz”, scritto così, riempiendo gli spazi intorno col suono della voce. Per rendere tutto più realista, discorsivo e “social”, infatti, tutti i termini inglesi – compreso il titolo – sono scritti esattamente come si pronunciano. Per cui troviamo: Gud Taims degli Scik, Survaivor di Maik Frensis; Ior so vein di Carli Saimon; Du iu tinc am secsi di Rod Stiuart; Iros di Devid Baui; A te di Giovanotti; Tru degli Spandau Ballett; Nait fiver dei Bi Gis; D’ ferst picciur ov iu dei Lotus Iters; Ior song di Elton Gion; Intu d’ gruv di Madonna; Ogni volta di Antonello Venditti; Evrifing Caunz dei Depesc Mod; Meraviglioso di Domenico Modugno (nella versione dei Negramaro) e La distanza di un amore di Alecs Baroni.

StevenHo preso questi 15 brani, i miei preferiti – spiega Stefano Piccirillo – e ho trasformato ognuno in un racconto breve. Il protagonista sono io, o meglio “Steven”, il mio alter ego, l’altra parte di me. Alcune sono storie vere, altre di fantasia, altre ancora sono un pò e un pò. Come il testo di una canzone, a volte ci immedesimiamo in una sola frase, altre volte pare racconti interamente la nostra storia”.
Stefano Piccirillo è stato l’ultimo ospite dell’intensa stagione di “Tutti i colori della radio”, storico programma ideato e condotto da Vincenzo Lombardi in onda su New Radio Network. Lo abbiamo raggiunto durante il “Postepay Sound”, festival dei grandi ospiti (Mika, Simple Red, Elton John, Paolo Conte, Max Pezzali, Lionel Richie, Queen), svoltosi a Piazzola sul Brenta (Padova). Con zio “Steven” una lunga chiacchierata su musica, estate, radio ed ovviamente il suo ultimo libro. Quando si parla di estate impossibile non toccare l’argomento tormentoni e in merito Stefano non ha dubbi: la canzone-bomba dell’estate 2016 non può che essere “Can’t stop the feeling” di Justin Timberlake.

CLICCA E ASCOLTA L’AUDIO INTERVISTA “GRETEST IZ” CON STEFANO PICCIRILLO

https://soundcloud.com/vincenzo27-492120379/stefano-piccirillo-intervista-su-new-radio-network

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *