TANTI AUGURI, MINA! QUELLA VOCE GRANDE, GRANDE, GRANDE (VIDEO ULTIMA APPARIZIONE TV)

Mina il 25 marzo compie 75 anni: da quasi metà della sua vita, dal 23 agosto 1978, data del suo ultimo concerto, non si esibisce in pubblico, rinunciando ad ampliare la sua carriera dicendo no al cinema, al teatro, all’America. E anche a un mare di soldi che periodicamente le sono stati offerti per ritornare.

Non ha mai pensato di abbandonare la musica, anche perché la natura le ha regalato una voce che si conserva intatta e una vivacità culturale che le permettono di trascorrere nel modo migliore, insieme alla sua famiglia, il tempo nel suo storico buon retiro di Lugano, meta continua dei viaggi di alcuni dei migliori musicisti e autori italiani che vanno a registrare con lei. E a tenersi aggiornata sulle movità del panorama musicale, che segue con attenzione senza mai perdere l’occasione di collaborare con artisti più giovani di lei e anche di togliersi qualche sfizio, come il duetto swing con Fiorello. E non va dimenticato che ormai da molti anni offre anche ad autori debuttanti la possibilità di pubblicare i brani suoi suoi dischi, un atteggiamento di apertura che è davvero una rarità. E che ha fatto crescere una ricca aneddotica sulle telefonate ricevute dai suoi colleghi più giovani e regolarmente entusiasti ed emozionati di parlare con il mito. Questa assenza-presenza viene alimentata da appuntamenti discografici annuali che ogni volta sorprendono per la formidabile chiarezza e l’intatta agilità della voce e finisco per alimentare uno dei pochi autentici miti dello spettacolo italiano.

Mina2

Capace di unire tantissime generazioni, le sue canzoni sono conosciute praticamente da tutti, grandi e piccini. Il suo esordio risale all’estate del 1958 quando nel locale “La Bussola” di Marina di Pietrasanta canta “Un’anima pura“. Esibendosi poi con il gruppo degli Happy boys incontra il discografico della Italdisc/Broadway, David Matalon, che intuisce il suo grande talento e le fa incidere quattro brani, di cui due in inglese. Il 1959 per Mina rappresenta l’anno della svolta. Debutta in tv al “Musichiere“, con la canzone “Nessuno“, che la fa conoscere al grande pubblico. Durante l’estate di quell’anno arriva un altro successo con “Il cielo in una stanza“, insieme a Gino Paoli: brano che conquista da subito i primi posti in classifica. Dopo un apparizione non felicissima nel 1960 a Sanremo, la Tigre di Cremona si ripresenta con il brano “Le mille bolle blu“, ma anche questa volta riceve una cocente delusione, tanto da ripromettersi di non partecipare mai più alla prestigiosa gara canora. Nel 1962 nasce la storia d’amore con Corrado Pani e scoppia un vero e proprio caso poiché la cantante rimane incinta senza essere sposata con l’attore. Un oltraggio per l’epoca, che le crea problemi e la porta addirittura a cambiare casa discografica. Mina, però, non si arrende e nel 1965 fa il suo rientro trionfale in televisione con la conduzione di Studio Uno, nel quale lancia “E se domani“, “Brava” e “Un anno d’amore“: tre brani destinati ad entrare nella storia della musica italiana. Nel 1968 c’è un altro ritorno stavolta nel locale che aveva visto il suo esordio, la Bussola, dove incide il suo primo album dal vivo che diventa in assoluto il primo live mai realizzato.

MinaLucio

Nel 1970 una nuova svolta: prima il matrimonio con il giornalista Virgilio Crocco e, in particolare, l’inizio della collaborazione con il duo Mogol-Battisti. Nel 1971 insieme ad Alberto Lupo incide “Parole parole“. Nel 1973 un grave lutto segna la vita della cantante, muore in un tragico incidente stradale il marito Virgilio. L’ultimo show televisivo di Mina è datato 1974. Si tratta di “Mille luci” con Raffaella Carrà, che si ricorda anche per la famosa sigla finale “Non gioco più“. Il 1978 è invece l’anno della sua ultima apparizione di fronte al pubblico e Mina sceglie proprio la Bussola per festeggiare i suoi venti anni di carriera e fare il suo ultimo concerto del quale rimane anche un disco live. Tanti auguri, Mina. eterna voce che ha accompagnato oltre mezzo secolo della nostra storia.

 

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *